Si è aggiunto un nuovo amico alla famiglia dei piccoli amigurumi. Una rana con lunghe zampe e lingua.
Girando sempre in tondo con cotone e uncinetto e aggiungendo di volta in volta piccoli dettagli si riescono ad ottenere più personaggi di quanti riesco a immaginare. Tutto sta nel provarci.

Come usare questi piccoli pupazzetti? Non ho più l’eta per portare al pascolo giganti peluches avvinghiati alla borsa però un piccolo amigurumi fatto da me concedetemelo!
Alcuni li hanno scelti come bomboniere per i loro bambini, come portafortuna o per alimentare stravaganti collezioni. Qualunque sia stato il fine nessuno si è mai lamentato (anzi è successo il contrario) quindi ne sono molto felice.
Tornando al discorso sull’utilizzo, ogni piccolino ha il suo laccetto per essere appeso/legato/agganciato nel posto desiderato. Usare un gancetto già pronto made in dove-sappiamo-tutti non mi sembra il caso, preferisco dare ad ognuno un nastro, laccio, cordoncino adatto al pupazzetto e all’occasione.
Ecco come faccio:
Facilissimo e immediato. E la rana potrà saltare dove più le piace.