Disegnare un coniglio, modificare gli schizzi a somiglianza di topo e rendersi conto di avere tra le mani un lemure.
Per me il progetto è sacro e la realizzazione deve materializzare quello che ho impresso sul foglio più tutto ciò che ho in testa…. È vero che non ci riesco spesso ma stavolta ho proprio fatto un passo indietro. Tra le mani avevo un piccolo lemure e mi piaceva.
Restava il terribile dilemma: coda pelosa o non pelosa? Zampe posteriori da saltatore e in più mani e piedi con cinque dita (cinque!!!). Ecco spiegato perché ero partita dal buon, caro, semplice coniglio.

Un grazie speciale a Cristina che, senza saperlo, mi ha regalato degli occhi gialli perfetti!

Per i wip sono “sempre” presente nella mia pagina fb: airali handmade.