I knit Fandango. Non voglio andare via!

 Sono da poco in questa città (Londra), ma le sorprese non sono mancate. L’ultima è stata lo scorso venerdì quando ho scoperto il mondo dei filati inglesi in una fiera interamente dedicata ai piccoli-medi produttori locali con qualche incursione in altri paesi del nord europa.

Nell’esplorazione tra le matasse e i gomitoli tra gli stand di I Knit Fandango non ero da sola, con me c’era Kate, l’ inviata superspeciale dei Magliuomini.

 

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
La manifestazione si è tenuta in una delle luminosissime sale della Royal Horticultural Halls, proprio quella che si vede nella homepage del sito web… io ero troppo ossessionata dai dettagli e dai palpeggiamenti (di gomitoli e matasse) per fotografarla nell’insieme.
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Il primo stand che ha accolto me e Kate è stato quello della designer Max Alexander di Max’s World. Tutti abbiamo visto almeno una volta il suo polipo lavorato a maglia che con grande maestria gestisce tre gomitoli di lana tra i tentacoli (qui potete vederlo e acquistare il pattern).

Sono stata completamente rapita dalla sua collezione di falene realizzate con lana delle Shetland e ovviamente lavorate a maglia.

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Un altro pezzetto di cuore l’ho lasciato tra le matasse di Triskelion Yarn & Fibre. Le foto non potranno mai rendere giustizia alle sfumature morbide di queste matasse. Dal beige al marrone passando per più tonalità di nocciola, tantissimi blu e il mio adorato giallo ocra in prima fila che urlava il mio nome.
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Ad essere onesti, in quella sala tutto urlava il mio nome. Infatti mi è presa una certa tristezza pensando che non mi sarei potuta portare a casa più di qualche matassa. Questi sono gli unici momenti in cui sento il bisogno di una carta platino 😉

Per fortuna ci ha pensato Kate a riportarmi prontamente alla realtà e abbiamo continuato il nostro giro tra gridolini di gioia alla vista di ogni novità.

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Abbiamo fatto un tour velocissimo in tutta la penisola scandinava con i filati di Midwinter Yarns, molti dall’aspetto rustico e secchi al tatto. Semplicemente meravigliosi.
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Poi ci siamo dirette ad est, completamente sedotte dal fascino del lino di Namolio. Abbiamo entrambe portato a casa un po’ di questo filato dai colori incredibili che non sappiamo ancora bene come utilizzare, ma di cui avevamo tantissimo bisogno.
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Una capatina da Wollmeise non poteva mancare. C’erano così tanti colori da guardare, sfiorare, palpeggiare (liberamente!) che c’è voluta una camicia di forza e lo stomaco che implorava un pasto per sganciarmi dagli scaffali.

 

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair

Il nostro giro ci ha riportato in Inghilterra, ad un passo dalla Scozia, tra i filati di Whistlebare. Un’intera famiglia gestisce la fattoria con annessa una piccola boutique di filati interamente prodotti da loro grazie ai greggi di pecore e capre d’angora. Organizzano anche corsi e sono vicinissimi alle spiagge selvagge della costa inglese. (Caro Babbo Natale, lo so che è presto, ma vorrei sollecitare la prenotazione di un fine settimane tra le caprette. Grazie. Con tanto affetto, Ilaria)

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Ogni lanista che si rispetti ha una piccola collezione di bottoni. Grazie a Textile Garden ho iniziato la mia collezione in terra straniera. Ho preso dei bottoni in cocco intagliati e colorati con motivo a pied de poule che mi riempiono gli occhi di stelline al solo pensiero.
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
Poi siamo arrivate agli strumenti di tortura… no… sono ferri circolari (di Ingrid Wagner) e uncinetti giganti (di Rachel John).
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
E non poteva mancare uno sguardo alle riviste PomPom che per una feticista della carta come me sono belle già al tatto, la copertina opaca e vellutata è qualcosa di unico (c’è all’ascolto qualche sciroccato per la carta che può capirmi?)
I knit fandango 2015 - London - Yarn fair

 

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair

Infine (si fa per dire)… amigurumi! Questi sono tutti tratti dal libro Edward’s Menagerie di Kerry Lord e realizzati con i filati in alpaca TOFT, il kit con il sacchetto in stoffa era davvero delizioso!

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair

 

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair

 

L’ennesimo pezzetto di cuore è finito tra le matasse dei ragazzi di EasyKnits, gentilissimi e affabili. Progettano i loro prodotti al 100%, dalla grafica delle etichette alla tintura. Cosa darei per un giretto nel loro quartier generale!

 

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair
L’ho già detto che sono impazzita tra le mille sfumature e la varietà dei filati?

La fiera non aveva un numero altissimo di stand, ma queste sono solo una parte delle mie foto quindi una piccolissima parte di quel che si poteva vedere… per un altro assaggio, altre foto e il punto di vista di Kate, c’è un post sul blog dei Magliuomini.
Una cosa è certa, di gomitoli non ne avrò mai abbastanza (e non credo di essere sola!).

I knit fandango 2015 - London - Yarn fair

 

 

L'arcobaleno in un sacchetto
Sirena, bambola amigurumi

Ti potrebbe interessare anche

27 commenti

  • madebykate.me 22 maggio 2015   Rispondi →

    E ora che ci siamo fatte un'idea, possiamo passare agli acquisti online 😉

  • let 22 maggio 2015   Rispondi →

    Ilaria: grazie per questo post!
    E' strepitosa la magia dei colori che mostri, sembra un mondo incantato!
    E poi grazie per avermi fatto scoprire il polipo che lavora a maglia: è bellissimo e non lo conoscevo! ciao E buon we

    • Ilaria 22 maggio 2015   Rispondi →

      Sono contenta di averti fatto conoscere cose nuove 🙂
      Buon fine settimana anche a te!

  • carmen 22 maggio 2015   Rispondi →

    Che meraviglia e che colori…un vero paese dei balocchi per le appassionate! E poi che belli i bottoni…ci credo che non vuoi più andare via..un abbraccio!!
    Carmen

    • Ilaria 23 maggio 2015   Rispondi →

      La fiera non era grande ma siamo rimaste per circa 6 ore! E ci tornerei subito… però durava solo un fine settimana.
      Un abbraccio 🙂

  • monica 22 maggio 2015   Rispondi →

    sciroccata per la carta a rapporto! ^_^
    grazie per questo reportage colorato… un piacere per gli occhi e per l'anima.

    • Ilaria 23 maggio 2015   Rispondi →

      Matta, consistente e vellutata. La mia carta preferita 😀

  • Francesca 22 maggio 2015   Rispondi →

    ohhhh! quanta meraviglia, ti sentirai come alice nel paese delle meraviglie

    • Ilaria 23 maggio 2015   Rispondi →

      Sì! Non sapevo dove guardare.. era tutto un susseguirsi di ohhhhhhh
      😀

  • Tämä Pöllö 22 maggio 2015   Rispondi →

    Meraviglia di colori!!!

  • Gabri Ercole 22 maggio 2015   Rispondi →

    Che paradiso…ma come avete fatto ad uscire?Io sarei ancora li dentro filati e bottoni…grazie per averci fatto sognare!!

    • Ilaria 23 maggio 2015   Rispondi →

      Siamo rimaste lì dentro circa 6 ore e la fiera era piuttosto piccola… sarei rimasta molto volentieri tutta la notte… a dormire tra le matasse di alpaca 😀

  • Donnaraita 23 maggio 2015   Rispondi →

    Dopo un post del genere mi hai fatto venire voglia di aprire un negozio di lane e carta vellutata….. 😀 che meravigliosa esperienza….. Grazie di averla condivisa con noi……. smauck

    • Ilaria 23 maggio 2015   Rispondi →

      A chi lo dici!!!!! Lo voglio pure io 😀
      Grazie a te per essere passata di qui :***

  • Paola 23 maggio 2015   Rispondi →

    Solo wow…
    Paola di Oltreverso

  • Tinneshobbyworld 24 maggio 2015   Rispondi →

    Super !!!!

  • Cercavi la sciroccata!? ^_^ nonostante la stanchezza dei polpastrelli sei riuscita a scrivere un post davvero splendido… Ti ho proprio immaginato immersa nel tuo mondo incantato a far faccette di stupore e meraviglia!

    • Ilaria 25 maggio 2015   Rispondi →

      Se immagini le mie facce c'è davvero da ridere!!!!! Grazie Civetta :***

  • iniminimainimo 25 maggio 2015   Rispondi →

    l'unica cosa per cui non ti invidio è il clima londinese, magra consolazione! 😀

    • Ilaria 29 maggio 2015   Rispondi →

      Questa primavera è davvero insolita per Londra, il tempo è quasi sempre clemente…. quasi sempre… stamattina c'è vento e fa schifo 😀

  • Paper Leaf 27 maggio 2015   Rispondi →

    Eccola! La sciroccata della carta è presente! Sappi che ho smesso di acquistare delle riviste amatissime solo perchè avevano cambiato la carta. Peggio di un tradimento sentimentale!
    Ti si sono indolenzite le manine sante a furia di palpeggiare tutti quei gomitoli? Il minimo!!!
    Tu sei lì a godere di fiere e shop meravigliosi, noi qui a piangere su gomitoli 100% acrilico… te lo meriti! 😉
    Allora si rimane qui, in attesa di nuove mirabolanti avventure Knit&Craft
    ;*

    • Ilaria 29 maggio 2015   Rispondi →

      Ciao amica-malata-di-carta
      Io compro libri solo perchè mi piace la carta e la stampa. Siamo pazze. E non è una novità 😀
      Un abbraccio (con le mie manine indolenzite ;))

  • macramè modena 28 maggio 2015   Rispondi →

    Che dire? Sono sempre più invidiosa! Ma grazie a te posso farmi anche io un bel volo pindarico immersa in tutto quel ben di Dio dai mille colori! grazie!
    un abbraccio
    sabrina

    • Ilaria 29 maggio 2015   Rispondi →

      Proprio così… non c'è da essere invidiosi (credimi!), ci sono solo cose belle da guardare dagli occhi (e dalla macchina fotografica) di altri 🙂
      Un abbraccio forte!

  • Crave Freestuff 13 giugno 2015   Rispondi →

    Crave Freebies for world residents are listed here. Updated daily. Crave Free Stuff to see the latest Free Samples offers.

Lascia un commento

Leggi articolo precedente:
sacchetto uncinetto arcobaleno
L’arcobaleno in un sacchetto

Camminare con i piedi per terra con lo sguardo verso le nuvole. È quel che faccio nel tragitto da casa […]

Chiudi